Skip to main content

Action and Biology Campus

L'ABC DEL MONITORAGGIO COSTIERO

Per la formazione dei futuri custodi del patrimonio naturalistico del Mediterraneo

Play Video

Play Video

40

futuri custodi del Pianeta Blu

Mission

Creazione di un percorso formativo dedicato a giovani studenti universitari e neo laureati in materie scientifiche che si impegnano, tramite l'acquisizione di competenze pratiche professionali, per la protezione del mare.

Il corso si svolge in sei giorni di attività teorico-pratiche in una cornice naturalistica senza pari, durante i quali saranno approfondite diverse tematiche, tra cui il monitoraggio dei delfini costieri e il monitoraggio di biocenosi come le praterie a Posidonia oceanica e le biocostruzioni coralligene.

GLI ARGOMENTI TRATTATI

Monitoraggio delfino costiero

I cetacei: dalle origini evolutive alle minacce antropiche a cui sono sottoposti e alle soluzioni legislative per la loro conservazione.
Ci concentreremo sulla specie di delfino costiero tursiope e sulla tecnica della fotoidentificazione con esercitazioni pratiche in mare e in aula.

Cartografia e Sistemi Informativi Geografici (GIS)

La rappresentazione cartografica come strumento fondamentale per la gestione della fascia marino-costiera. Effettueremo esercitazioni pratiche su piattaforma GIS.

Monitoraggio praterie a Posidonia oceanica

Dai caratteri distintivi della fanerogama ai servizi ecosistemici forniti: focus sui protocolli e le tecniche di monitoraggio in uso dalla rete delle Agenzie Ambientali.

Monitoraggio biocostruzioni coralligene

Approfondiremo il ruolo del coralligeno nella strutturazione dei fondali e la sua funzione di hot- spot di biodiversità tramite
l’applicazione di metodologie non-distruttive di analisi fotografica e video.

Monitoraggio comunità superficiali macroalghe

Le comunità macroalgali superficiali di substrato duro quali indicatori dello stato ecologico delle acque costiere. Descriveremo e applicheremo il metodo CARLIT, tecnica condivisa a livello europeo all’interno del bacino Mediterraneo.

Metodi fotogrammetrici per l’ambiente marino-costiero

Affronteremo i principi di funzionamento della fotogrammetria Structure-from- Motion, approfondendo le sue applicazioni nell’ambito dell’ecologia, della biologia marina e della cartografia.

  • Garantire la disponibilità di borse di studio e ampliare il numero di regioni coinvolte;
  • Coinvolgere esperti naturalistici del territorio;
  • Ampliare e aggiornare l’offerta formativa con argomenti scientifici attuali;
  • Istituire partnership con Aree Marine Protette e/o Enti di Ricerca locali.
  • 123 richieste di partecipazione da parte di studenti e neolaureati di età compresa tra i 19 e i 33 anni provenienti da Abruzzo, Campania, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Sardegna, Sicilia, Veneto;
  • 40 borse di studio a supporto della formazione dei giovani partecipanti provenienti da 13 Regioni italiane;
  • Programma didattico immersivo e inclusivo di 40 ore di formazione: 19 teoriche e 21 pratiche svolte in mare e nell’elaborazione dei dati raccolti;
  • Partner coinvolti: Sky Italia, Comune di Golfo Aranci, Fondazione Sardegna, Green Natural, Serendipity;
  • Partner tecnici: Corsica Sardinia Ferries, Mares, Garmin.
Leggi le Testimonianze

IL PALCOSCENICO NATURALE

Golfo Aranci, Sardegna (Italia)

Immersa nel selvaggio nord-est della Sardegna

L’area é una zona di Protezione Speciale (ZPS) e un Sito di Interesse Comunitario (SIC), un luogo ricco di biodiversità marina ed una zona residenziale per il delfino costiero tursiope. Questi aspetti, e molti altri, la rendono la location perfetta per un corso di approfondimento sulle tecniche di studio e monitoraggio dell’ambiente marino.

Scarica i materiali informativi

Presentazione

Con il supporto di:

Partner tecnici: